Ago
1

Siate Pronti

Home > Meditazioni > Siate Pronti

Evangelo di Luca 12:35-40

Un primo particolare che abbiamo in questi versi e che il momento esatto del ritorno di Gesù viene deliberatamente tenuto un segreto. L’uora è il giorno preciso non è rivelato alla chiesa e questo è un gran bene. Dietro a questo silenzio risiede la sapienza e la misericordia di Dio. Incertezza sul tempo produce nel credente un’uattitudine di continua aspettazione e lo preserva dallo scoraggiamento, dall’abbattimento e dallo sconforto.

Sarebbe stata una prospettiva malinconica e triste per la chiesa primitiva sapere che Gesù fosse tornato soltanto fra 2000 anni. Invece i cuori dei perseguitati e gli afflitti sono stati sostenuti proprio dal loro saluto fraterno consueto Maranatà Il Signore viene. Vivendo consapevoli del ritorno di Gesù spinge ogni figlio di Dio a servire Lui con fedeltà .     Si sa che da un momento o l’altro il maestro verrà per chiedere conto del modo in cui abbiamo amministrato i Suoi beni. Questo segreto alimenta l’uimpulso di vivere in modo tale di essere sempre pronti ad incontrare il Signore.

In attesa di questo glorioso evento cosa possono essere i doveri pratici del credente?

Prima di tutto si è chiamati a vigilare.
Aspettare prontamente il padrone che arriva. Dobbiamo mantenere l’uanima nostra in una condizione svegliata guardandoci dall’indolenza, dalla sonnolenza e dal torpore spirituale. Le compagnie, le amicizie, la società ci inducono a dimenticare Gesù ed addirittura negare del tutto il suo ritorno 2 Pietro 3:3-4.                                                                         L’intento dell’avversario e quello di distruggere la nostra casa spirituale, rubare il nostro olio e distrarre la nostra attenzione. E’ consapevole che se riesce a farci pensare a tutto altro che il ritorno di Gesù, riuscirà a farci vivere solo per le cose di quaggiù. Vogliamo tenere prezioso l’esortazione di Paolo ai Tessalonicesi I Tess. 5:6. Può darsi i tuoi occhi sono stanchi ma sappi che il Signore è vicino. Possa lo Spirito Santo rivestirci di un nuovo impulso mandare una fresca rugiada. Coraggio fratello, il cuore tuo non si stanchi sorella, la veglia notturna sta per concludere, in qualsiasi momento può spuntare l’ualba e come un’uaquila prenderai volo per essere col Signore, tieni l’occhio aperto, sia vigilante fra breve lo vedremo a faccia come Egli è.

Oltre a vigilare occorre pregare.
Questo meraviglioso rapporto che il credente ha col Padre celeste va sempre coltivato. Non dobbiamo mai permettere a nulla di venire fra noi è il Signore, spezzare questa corda ombelicale spirituale che ci nutre giornalmente e costantemente. La preghiera è il nostro filo vitale. Anzi il ritorno di Gesù deve essere un argomento continuo di preghiera, e la richiesta quotidiana che Lo stesso Spirito che dimora nel credente eleva verso il cielo Lo Spirito e la sposa dicono viene Signore Gesù. Il nostro grido dovrebbe essere: Signore preparami, quando viene fai che trovi fede in me, aiutami di non essere appesantito dalle pieghe e le ansie di questa vita, ma che la mia anima sia libera di sprigionarsi verso l’eternità . Se la giornata comincia supplicando il Suo ritorno, sarà vissuto in modo che rispecchia prontezza per il suo. Le lampade siano accesi, per fare questo non c’uè modo migliore se non con la preghiera. Lasciare che l’olio dello Spirito Santo alimenta il nostro Zelo, tiene viva il nostro amore e guarisce le nostre ferite. Se in questa mattina i pesi della vita ti schiacciano, alzi il capo verso l’ualto e con cuore esclami vieni Signor Gesù! Quando Egli verrà finalmente entreremo nel nostro riposo eterno. La preghiera ci prepara per un giorno comparire davanti a Gesù Luca 21:34-36.

Infine, dobbiamo doverosamente impegnarci nell’opera del Signore, essere fruttiferi in opere e in carattere. Il maestro ha affidato ha noi un compito e pretende di vedere il lavoro completato. Vivere come sale, brillare come luce, pescare come pescatori d’uomini, costruire come edificatori, seminare e raccogliere come agricoltori, dare come donatori allegri.

Siamo nel servizio del Re, uomini onorati e donne privilegiate, tutto le risorse del cielo sono alla nostra disposizione, l’gif-animata-religione-colomba-ramo-ulivo_29295intero esercito celestiale e pronto per eseguire i disegni di Dio a nostro favore, Lo Spirito Santo pronto a distribuire i suoi doni a chi vuole.

Più comprendiamo che vicino è il ritorno del Signore, più consapevoli siamo che le tenebre si avvicinano quando nessun uomo può lavorare. Il diavolo non deve rubare la nostra corona, non deve ostacolare la crescita della comunità , non permetteremo il suo regno di avanzare, affinché siamo qui lavoreremo per abbattere le sue fortezze e proclamare che il regno di Dio è vicino. Finchè c’uè luce lavoriamo è un giorno ogni fatiche sarà ricompensata. Possa questa frase rimanere impressa nella vostra mente in quest’uoggi:

Il maestro viene e io voglio essere trovato fedele.
Dio ti Benedica!