Opera nel Carcere

OPERA EVANGELISTICA NEL CARCERE

“Ricordatevi dei carcerati, come se foste in carcere con loro…”Alcuni Detenuti
(Ebrei 13:3)
 
 gif-animata-professioni-mestieri-Criminali_40239
 

In ogni Paese ci sono Evangelisti che, animati dalla Parola di Gesù che dice: “Ero prigioniero e mi avete visitato!”, si impegnano nella ”pastorale carceraria”.  “Ricordatevi dei carcerati come se foste in prigione con loro!” (Eb 13,3).   

Cos’è la “pastorale carceraria”? È l’azione pastorale della Chiesa, che  ha l’obiettivo di promuovere, in modo semplice e coraggioso, la dignità umana dei detenuti, secondo il Vangelo e la “dottrina sociale” della Chiesa, in parole ed opere, in difesa dei diritti personali e sociali dei carcerati. Questa azione è parte integrante dell’attività missionaria della Chiesa, che costituisce un dovere pastorale per tutti i cristiani.  Le “linee di azione” dell’evangelizzazione nelle carceri, si basano solo ed esclusivamente sulla predicazione della totalità dell’Evangelo, cioè evangelizzare la persona carcerata, considerandola nella sua totalità, senza escludere la dignità del soggetto.  In tutta la storia della salvezza, è Dio che vede la miseria della Sua creatura, ascolta il suo grido, conosce la sua sofferenza e scende per liberare (Es 3,7-10). Nello stesso modo la Chiesa è chiamata a mettersi al servizio con i criteri di Gesù: amore, perdono e misericordia. Ciò che ci anima in questo cammino è una spiritualità fondata sull’azione liberatrice di Gesù, in cui l’amore per il prossimo è l’essenziale e dove l’importante è l’attenzione ai fratelli e sorelle carcerati. Gesù definisce il suo progetto di vita a favore degli esclusi, quando legge la Scrittura nella Sinagoga e assume ciò che il Profeta aveva annunziato: “Lo Spirito del Signore è sopra di me, mi ha mandato a proclamare la libertà ai prigionieri…” (Lc 4,18-19). Sono ormai molti anni che l’Evangelo viene predicato sia nel carcere di SMCV che nelle carceri della zona, La nostra preghiera è che il Signore continui la Sua opera nel cuore di quanti ascoltano la Sua Parola. Possiamo ringraziare il Signore che, per mezzo della  predicazione dell’Evangelo, anche nelle carceri Egli Salva e forma il Suo popolo. In questo  giornalino, che credo che sarà una delle molte edizioni che pubblicheremo, sono riportate solo alcune delle molte testimonianze di detenuti che stanno sperimentando cristo Gesù nel loro Cuore come personale Salvatore. Voglia perciò, il nostro cuore impegnarsi sempre più ad aggiungere alle nostre preghiere l’opera Evangelistica nelle carceri, affinché il Signore possa sostenere sia i detenuti che ascoltano sia i Suoi servi che annunciano la Parola.

                                       Pastore Evangelico
CESARE TURCO

 

TESTIMONIANZE DAL CARCERE

 

GRANATO DAVIDE

Ho avuto la grazia di conoscere Cristo Gesù in un luogo cosiddetto di sofferenza (il carcere). Ero disperato, distrutto e senza speranza, ma aprendo il mio cuore al Signore (Apocalisse 3:20), il Signore ha operato lasciando entrare la Sua luce gloriosa, trasformando nell’immediato i sentimenti del mio cuore, lavandomi con il Suo prezioso sangue, purificandomi da ogni peccato (I Giovanni 1:7) e donandomi i Suoi meravigliosi frutti (Galati 5:22). Oggi camminare nella via del Signore è il mio più grande desiderio (Matteo 6:33). Grazie all’impegno di ministri di Dio (come il pastore Cesare Turco che con sacrificio, passione e amore, il lunedì di ogni settimana si reca in questo luogo per portare il messaggio della buona novella) e con la guida dello Spirito Santo, la Parola di Dio opera nei nostri cuori. Voglia Dio far progredire quest’opera dando più spazio e libertà, in questi luoghi molto restrittivi, a ministri che sono al servizio di Dio, affinché possano aggiungersi altre anime bisognose di salvezza. Dio è potente da salvare chiunque lo voglia veramente. Voglio ricordare a tutti indistintamente che il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù (Romani 6:23) e che Dio nel Suo infinito amore, ha tanto amato il mondo che ha donato il Suo unigenito  Figliuolo affinché chiunque crede in Lui non perisca ma abbia vita eterna (Giovanni 3:16).
Dio vi benedica

Carcere di SMCV. Rep.Tamigi